Close

Bonifica amianto Tavolara.

Share
Chean ha proceduto ai lavori per la rimozione, trasporto e smaltimento di lastre in cemento amianto della vecchia segheria di marmo a Tavolara.

Le operazioni si sono svolte nella massima sicurezza e cautela, in quanto il l'area interessata al recupero risultava essere contaminata da frammenti di lastre di amianto, inerti edili, vetro e altri rifiuti depositati nel sito negli anni.

Nell'area interessata le operazioni di bonifica procederanno in tre fasi distinte:
  • rimozione dell'amianto;
  • rimozione dei rifiuti;
  • rimozione dell'eternit delle coperture.

Dopo la presentazione del piano operativo di bonifica con procedura d'urgenza, la Chean ha provveduto alla raccolta e rimozione dell'amianto a terra previo incapsulamento dei frammetti da terra insaccandoli in big bags H 13, mentre per la rimozione dell’eternit delle coperture è avvenuto con l'ausilio di piattaforma a pantografo.

La rimozione delle coperture in amianto sono avvenute tramite:
  • incapsulamento della copertura nell'estradosso e nell'intradosso della lastra;
  • attività manuale per lo smontaggio tramite rimozione dei fissaggi con successiva attività di posizionamento a terra delle lastre;
  • attività di stoccaggio lastre su pallets e confinate con foglio di polietilene precedentemente posato;
  • stoccaggio dei pancali in un area denominata “ammasso temporaneo” e poi avviati a smaltimento finale in discarica autorizzata.

Per quanto la bonifica dei frammenti a terra, abbiamo provveduto a individuare l'area, irrorarla con il prodotto incapsulante, si è utilizzato il colore rosso per evidenziare l'area di intervento; successivamente con un mini escavatore da 18 quintali si è provveduto a “scarnificare il terreno” per circa 5/10 cm, durante tale operazione un altro operatore provvedeva a irrorare la zona di intervento con il prodotto incapsulante tramite l'utilizzo della pompa a bassa pressione tipo aireles.

Tutto il rifiuto bonificato come l'inerte edile, amianto è stato insaccato in big bags H 13 ed raccolto nell’area denominata “ammasso temporaneo” e successivamente portato alla discarica autorizzata.